ATTIVITÀ

La Rete Tramontana ha avviato nel 2012 un progetto di pubblicazione di materiali sonori, denominato TRAMONTANA SONORA, in cui far confluire i documenti raccolti con le proprie inchieste e attraverso il lavoro di ricerca etnomusicologica, antropologica, sociolinguistica e di paesaggistica sonora delle 7 associazioni nei propri territori; al progetto partecipano partners esterni che svolgono ricerca etnomusicologica nell’area dell’Italia centrale (Abruzzo e Lazio) e in Romania, con il supporto produttivo dell’Associazione Itaca.

In preparazione alle inchieste l’Associazione ha organizzato un mini-corso di formazione alla documentazione audiovisiva, tenuto dal regista Stefano Saverioni, per preparare adeguatamente l’équipe alle ricerche.

A partire dal mese di luglio, con una particolare concentrazione nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2012, e nei mesi di maggio e agosto 2013 si sono svolte le attività di ricerca, consistenti in una capillare raccolta di testimonianze orali nei territori dei partnes finanziari aderenti al progetto: l'area del Gran Sasso e dei Monti della Laga (TE-PE), il territorio della Media valle del Vomano (TE), e la zona di Sant'Eusanio del Sangro (CH). L’équipe dell’Associazione Bambun, coordinata da Gianfranco Spitilli e composta da Gianfranco Spitilli, Annunziata Taraschi, Marco Magistrali, Marta Iannetti ed Emanuele Di Paolo (antropologi ed etnomusicologi), con l’incarico esterno ad altri professionisti per la ricerca nell’area di Sant’Eusanio del Sangro (CH, Federico Carulli) e per la documentazione fotografica (Gianluca Pisciaroli e Francesco Fotia), ha prodotto 135 inchieste ripartite nel modo seguente:

Pietracamela e Intermesoli – 20 testimonianze

Fano Adriano e Cerqueto – 10 testimonianze

Cesacastina, Poggio Umbricchio, San Giorgio, Fràttoli, Crognaleto – 15 testimonianze

Montorio al Vomano e Cusciano – 5 testimonianze

Villa Petto, Colledara e Ornano – 8 testimonianze

Castel Castagna – 2 testimonianze

Isola del Gran Sasso – 5 testimonianze

Arsita – 5 testimonianze

Farindola – 20 testimonianze

Penna S. Andrea – 5 testimonianze

Cermignano – 5 testimonianze

Basciano – 5 testimonianze

Cellino Attanasio – 5 testimonianze

Castellalto – 5 testimonianze

Canzano – 5 testimonianze

Sant’Eusanio del Sangro – 12 testimonianze

Le raccolte di testimonianze, strutturate nella forma di intervista video in formato HD di circa un’ora di media ciascuna, hanno interessato soprattutto la popolazione anziana, dai 70 anni in su. In alcune circostanze si è proceduto anche all’acquisizione di documenti fotografici familiari custoditi presso le abitazioni, attraverso una scansione digitale sul posto. La documentazione fotografica diretta, effettuata da fotografi professionisti, ha prodotto circa 1.000 documenti fotografici realizzati nel corso delle interviste. Le inchieste hanno posto la loro attenzione su alcune tematiche fondamentali, stabilite come guida metodologica negli incontri fra i partners: il rapporto uomo-animale, il rapporto uomo-ambiente, le attività agricole e l’allevamento nel passato e nell’attualità, le età della vita, concezioni e pratiche legate alla nascita, alla morte e alle modificazioni del corpo, le pratiche rituali, la musica, la guerra, l’emigrazione, la memoria dei luoghi, le genealogie familiari.

I temi di ricerca sono stati classificati secondo la seguente griglia, che costituirà la base per la messa on-line di estratti delle interviste:

1. Usi delle campane

2. Dalle capre alle vacche: gli animali e l'allevamento 

3. Dei santi e dei pellegrinaggi 

4. Da Natale a Pasqua: riti d'inverno 

5. Leggende di origine dei luoghi, delle cose e degli animali

6. Canti e lavoro

7. Miniere, dighe e fabbriche 

8. Partenza e ritorno al paese 

9. Percezione dell'evoluzione della società rurale e dell'ambiente

10. Pratiche, percezioni, rappresentazioni delle lingue

È in corso di elaborazione un sistema cartografico di localizzazione delle inchieste e di estratti di materiali su mappa digitale, con il sistema Mapize, che permette di visualizzare su mappa satellitare georeferenziata località e contenuti e l’accesso diretto ad informazioni introduttive e ad esempi di interviste nei luoghi dove sono state raccolte: http://www.mapize.com/TRAMONTANA_BAMBUN/

Una parte significativa delle attività ha riguardato la digitalizzazione di archivi di carattere antropologico ed etnomusicologico di notevole interesse presenti nel territorio oggetto della ricerca, come l’Archivio di Don Nicola Jobbi e di Maurizio Anselmi, i cui documenti sonori sono stati registrati tra il 1963 e il 1983. Questi materiali sono stati in buona parte digitalizzati da Emiliano Migliorini (che ha collaborato alla catalogazione del Fondo Leydi presso la Fonoteca Nazionale Svizzera di Lugano) e sottoposti a dei primi interventi di schedatura, necessari ad una successiva catalogazione, che occuperà una parte del progetto nel corso del 2013.